“Il peso della farfalla”, Erri De Luca- Il Racconto della fine…

Teoricamente, commentando questo libro, si potrebbe parlare di contrapposizione fra uomo e natura ma, in effetti, non è proprio così. La contrapposizione è una scusa per analizzare le due componenti umane che attendono l’ultimo incontro.

E così, nell’attesa di questo giorno di novembre, si ripercorre la vita del camoscio e quella dell’uomo, accomunati da una voluta solitudine e grazie a questa maturati ed evoluti rispetto ai propri simili. Evoluzione che li accomuna ma con percorsi evidentemente differenti.

Da una parte c’è la vita di un orfano che si deve proteggere e che deve essere più furbo del mondo che lo circonda per poter sopravvivere, dall’altra c’è una scelta di vita ritirata quasi monastica e comune ad entrambi c’è solo un netto rifiuto consapevole di rapportarsi con i propri simili.

Leggere questo libro mi ha riportato indietro nel tempo, quando sfogliavo “Il vecchio e il mare“, con il quale, nonostante ad un certo punto De Luca faccia riferimento a “Moby Dick“, questo testo ha molte analogie.

I dialoghi sono ridotti all’osso, ma il racconto scorre piacevolmente, accompagnato man mano che si arriva alla conclusione da una serie di piccole e grandi riflessioni sui comportamenti che, a differenza dei pensieri del pescatore di Hemingway, hanno il sapore della saggezza raggiunta per il rapporto stretto tra natura e uomini che crescono insieme e non di quella che si raggiunge alla fine della vita. Cacciatore e cacciato, che non sempre sono identificabili in uomo e animale ma si scambiano in continuazione i ruoli, ripercorrono attraverso le immagini della vita passata una serie di esperienze forti che non li hanno indeboliti ma, invece, ne hanno permesso la crescita e il miglioramento rispetto i propri simili.

In fondo, sembra dire l’autore, la vita e l’evoluzione della stessa consiste nell’imparare dagli errori e orrori che occorrono lungo il viaggio. E come diceva qualcun’altro forse la bellezza della stessa non sta nell’attimo, ma nel percorso.

E la farfalla? Direte voi, un acuto espediente per mettere insieme uomini e animali, storie, situazioni nonchè immagini e, infine, sottolineare i momenti salienti del racconto… una farfalla bianca che batte le ali. Quale migliore poesia?

Buone letture,
Simona Scravaglieri

Il peso della farfalla,
Erri De Luca
Feltrinelli Editore, Ed. 2010
Prezzo €7,50

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.