"Amori (S)cacciati." di Ottaviani, Bolognino,Marcolongo, Grilli Leonulli,Gabbriellini – Proverbi e letteratura







“Agli amanti e ai cacciatori, per un piacer mille dolori.”

Questo libro e’ una sfida fra scrittori. Hanno tutti un unico denominatore comune un proverbio ovvero quello sopra citato e direi che il risultato e’ ampiamente positivo.
Non sono storie correlate fra loro, percui questa e’ da considerarsi a tutti gli effetti una raccolta di racconti. E’ appunto per la mancata organicita’ di contenuti che, pobabilmente e’ meglio commentarli uno ad uno.

Carnevale, amanti e cacciatori.
Autore: Massimiliano Ottaviani

Piu’ che un racconto e’ un flashback emotivo. Il racconto e’ brevissimo ma altrettanto intenso. E non te ne aspetti le conclusioni. Ricorda molto quei racconti noir dove ciò che sembra non e’ mai cio’ che in realta’ e’. E purtroppo la brevita’ del testo non mi permette dir altro che e’ talmente scritto bene che quando arrivi in fondo…e’ un po’ come ti avessero rubato un pezzo di racconto…ne vorresti sicuramente sapere di piu’.

Quando un proverbio la dice lunga.
Autore: Gianpaolo Marcolongo

Ecco qui mi sono ritrovata a dover dire che forse e’ esageratamente lunga. Non e’ spiacevole, ma estremamente allungato il finale. Io non avrei messo tutti i diari e gli appunti del blog e forse, avrei tolto qualche particolare di contorno che risultava dissonante. Klaus nell’attesa del momento fatale, ripercorre la sua vita che e’ veramente cominciata nel momento in cui ha incontrato la sua amata. Quindi le immagini si susseguono secondo un ritmo e una sequenza non temporale ma dettata dai pensieri. Pertanto laddove siano troppo articolati, portano alla confusione il lettore. E invece il momento clou della storia si risolve in una rocambolesca azione che ha bisogno di un epilogo per chiarire cosa sia realmente successo. Io invece avrei dato piu’ descrizioni nell’azione finale e avrei evitato l’epilogo, alcune descrizioni inutili al compimento della storia, ne avrei inserito qualcuna di quelle che mette nei vari diari e avrei tagliato tutti i diari e il blog che sembrano che l’autore voglia ancora trascinare la storia.

Ricordi
Autore: Massimo Bolognino

Anche qui lo sforzo e’ lodevole, solo che risulta troppo ripetitivo. In questo caso si entra nello spirito di un malato di mente. Quello che genericamente rovina il pezzo e’ la conclusione. io non l’avrei messa, o meglio avrei cercato di far rimanere sospesa la storia. Il protagonista in un passato recente, si e’ innamorato e ha avuto una relazione con la moglie del proprio capo. la storia finisce con un omicidio. Il malato di mente viene ricoverato in un manicomio e comincia una sorta di diario in cui racconta delle sue sedute con lo psicologo e delle conclusioni cui arriva volta per volta. Teoricamente, a parte alcune ripetizioni da attribuirsi alla malattia che il medico sostiene lo affligga, in qui la storia regge. Il problema della sua conclusione, cui non posso accennare se non in via del tutto vaga per ovvi motivi, non regge e da l’impressione che l’autore si sia spinto cosi’ in la da non sapere come chiudere la propria storia e che quindi abbia scelto la via piu’ semplice. La donna descritta nei tempi non risponde assolutamente ad alcun canone di donna dei tempi passati ma solo a stereotipi “romantici”. Pertanto forse sarebbe stato piu’ facile troncarla al suo culmine mettendo pochissimi riferimenti alla soluzione del caso. In questo modo chi legge ha una unica alternativa prodursi il finale che piu’ gli aggrada ma con il gusto di aver avuto in mano tutti gli indizi. Magari, come detto a proposito del primo racconto avresti il desiderio di aver avuto un altro pezzetto di racconto in mano, ma saresti comunque molto soddisfatto di quel che hai letto.

Invisibili
Autore: Barbara Grilli Leonulli

Magistrale. Non ha necessita’ di essere attraente. Ha la giusta dose di dolore, di voglia di rivalsa, di speranze disattese e rispecchia in tutto e per tutto il rapporto fra donne e nella fattispecie fra madri e figlie. E’ un gracconto di grandissima sensibilita’ su un tema sempre attuale, ovvero i maltrattamenti fra le mura domestiche. Sono loro gli invisibili, quelli che subiscono. Il tema non e’ proprio semplicissimo da svolgere, ma l’autrice riesce a far sentire al suo lettore il senso di inadeguatezza e di immensa solitudine che si prova quando si subisce un abuso. Non ci sono leggi, ne amici e ne parenti nel momento che subisci un torto cosi’ grande. Non esiste nessuno oltre al tuo dolore. E in questo Barbara ha pienamente centrato il suo obiettivo.

Connections
Autore: Tommaso Gabbriellini

Altro pezzo che mi e’ particolarmente piaciuto. In primis perche’ l’autore si diverte a sperimentare un nuovo genere di narrazione. Invece di svolgere la storia in senso temporale come dovrebbe accadere o scegliere la forma in voga negli ultimi anni di mettere un pezzo che prepara alla conclusione e poi cominciare dall’inizio, Tommaso sceglie di descrivere le situazioni come flashback emotivi da quello conclusivo via via fino al prologo. Lo fa con uno stile asciutto, perche’ la storia richiede questo tipo di rapporto fra pensieri e mondo che li circonda. Tutti i flashback sono tra loro interconnessi dalla motivazione che spinge a generare il gesto dell’assassinio, tranne il primo che e’ l’ultimo descritto. Teoricamente ci sarebbe, ma l’autore sembra volutamente lasciar sospesa tutta la storia che genera la richiesta del primo omicidio. Pero’ lo scritto scorre, mi e’ rimasto un solo piccolo dubbio (voluto o no dall’autore non si sa) sull’identità’ dell’ultima uccisa (la prima raccontata) e la prima non uccisa (nell’ultima connessione) e mi piace questo stile che devo ammettere penso sia complicatissimo da gestire per l’autore ma di grande resa per il lettore.

Tirate le somme questa sfida letteraria di cui sono stata felice spettatrice in catena di lettura mi e’ decisamente piaciuta e speri vivamente che l’esperienza si ripeta o di poter leggere qualcos’altro di questi autori nuovi che ci hanno messo tutta la loro passione a scrivere questi pezzi che ho molto apprezzato.

Amori (S)cacciati
di Ottaviani, Bolognino,Marcolongo, Grilli Leonulli,Gabbriellini
Editore Lulu.com, ed 2010
Prezzo 7,50€



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.