[Dal libro che sto leggendo] Le giostre sono per gli scemi

Immagine presa da qui

“Contava tre respiri e stava attento a farli lunghi, resisteva ancora, immobile e con gli occhi chiusi, dopo lo scatto secco che chiudeva la porta. A quel punto gli restava poco tempo. La finestrella che non s’apriva stava in alto, a ridosso del soffitto, per far entrare nel camper più luce possibile; Leonardo scendeva dalla branda, si tirava dietro l’unica sedia, ci saliva sopra in punta di piedi. Ogni notte sperava di essere cresciuto abbastanza, durante tutto il giorno precedente, da riuscire a sollevarsi fino alla plastica consunta per guardare suo padre che sfumava nel buio: restava sempre troppo basso ma doveva provarci comunque, scendeva dalla sedia solo quando le punte dei piedi cominciavano a fargli male sul serio. Allora la metteva a posto e scivolava nel fosso ancora caldo scavato dal suo corpo nel materasso della branda. Non c’era niente di cui aver paura, si diceva, perché lui se ne andava tutte le notti ma tornava sempre prima che fosse mattina. Doveva essere contento, anzi, che suo padre ci fosse riuscito un’altra notte ancora: lui non poteva stare, ad aspettare di addormentarsi fra le lamiere del camper cucinate dal sole. Lui aveva bisogno di vento, e se quello non veniva, allora in qualche modo se lo doveva andare a prendere da solo.”


Le giostre sono per gli scemi
Barbara Di Gregorio
Rizzoli Editore, ed. 2011
Prezzo 18,00€

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.