Caro Babbo Natale….

Immagine presa da qui
…e siamo di nuovo qui!
Carissimo Babbo, non ti scrivo per un regalo da portarmi questa sera, capisco che tu sia impegnato e quindi mi accontento di un regalo a lungo termine, spalmiamolo su un anno o anche di più.
Per l’anno venturo ti chiedo di portare un pochino di sale in zucca ai miei connazionali, per spiegare che la lettura non è da “topi di biblioteca” e che un libro elettronico o no, non mangia proprio nessuno. Mi piacerebbe che capissero che ci sono più avventure e informazioni che si possano trovare in tv o sui giochi e che non si muore a leggere un libro, dopotutto c’e’ gente che sopravvive a ciò e io ne sono uno dei milioni di esempi. 
Fa che ogni volta che entro in libreria, non venga scambiata per la “signorina del negozio” solo perché mi sono tolta la giacca e l’ho infilata in una delle mie mega-borse e se proprio-proprio questa cosa nn si può fare, almeno selezioniamo i beoti. Magari al posto della signora che oggi ( 23 dicembre) mi ha fermato e chiesto “Ma questo secondo lei è cruento?” recando in mano “Gomorra”, decida di chiederlo all’omino del negozio oppure che colpisca un fulmine la tipa che mi guarda mentre sbircio un libro e dice all’amica, senza nemmeno stare a controllare se io la possa sentire, “Prendiamo quello, perché quella signora (ovvero io e per questo non uno ma due fulmini incrociati!) lo legge da un pò!!” (avevo in mano un saggio sulla comunicazione!) e mi domanda “Scusi lo prende?” e alla risposta “No” domanda “Ma perché è brutto? finisce male? sa perché lo volevo regalare a mia madre…” “…”(nei tre puntini di sospensione metteteci voi quel che più vi aggrada).
Realizza questo miracolo che non si vada in libreria solo perché “non si ha idee” e elimina tutti quelli che  passano delle ore a distruggere i libri o che pensano bene di venire in libreria per leggere a “scrocco”, va bene due pagine, ma non tutto il libro! Mi piacerebbe non vedere in coda alle casse solo gente che reca in mano l’autobiografia di Zucchero o di Vasco, non chiedo che si portino a casa “I Racconti della Kolyma” ma ci sarà una via di mezzo. Sarebbe bello che scoprissero che anche i titoli non segnalati da adeguata frecciona non stanno lì per decorazione ma che si possono leggere e addirittura comprare!
Dammi la forza di non sparare alle giovini pulzelle che oggi ho sentito affermare che “Kinsella è meglio della Austen” perché, capisco che il giorno prima di Natale non è il massimo per cercare regali e si rischia di incappare in questi mostri di cultura, ma tale eresia non può passare impunita! E’ come dire che Joyce è meno divertente di Signorini, o che se Baudleaire avesse letto le canzoni di Jovanotti sarebbe stato meno triste!!
Fa che almeno per l’anno prossimo, la lettura e le librerie non siano solo un ripiego del “non so cosa regalargli” perché in deroga a questa Mancanza di creatività natalizia il genere umano tocca i più bassi livelli di dignità stupendosi altresì perché ti stizzisci o perché alzi gli occhi al cielo!
Frattanto dammi la forza di finire tutte le recensioni appese e di affrontare i titoli nuovi che verranno, quando lo sciopero sarà finito e ti prego, liberaci da tutte le autobiografie dei cantanti che proprio non ci mancavano!
Augurandoti o meglio augurandoci buone letture e buon natale,
Simona



P.S. Ah!Se poi sei in vena magari anche un ritocchino al ribasso per i prezzi dei titoli nuovi non ci starebbe male!;)


Il mio augurio personale va a tutti, sia a coloro che seguono con pazienza le mie peregrinazioni letterarie e sia ai nuovi venuti, perché questa ricorrenza sia un momento speciale per tutti indipendentemente dal credo religioso. Buone Feste e buon riposo a tutti, grazie per quest’anno pieno di soddisfazioni.
E nuovamente buone letture a tutti!
Simona

2 thoughts on “Caro Babbo Natale….

  1. Spero che babbo natale possa realizzare il tuo desiderio.Per te,per me e per tutti quelli che in libreria ci vanno perchè è l'unico negozio dove valga la pena mettere piede ( per me c'è anche il negozio di dischi ).
    tanti cari auguri.:)

    Like

  2. Anche per me c'è il negozio di dischi!!! Solo che lì non. Mi scambiano per una commessa e ci vado esclusivamente quando sò che voglio, perchè per me è molto più complicato regalare della musica che un libro…ti toccherà darmi ripetizioni;))
    Buone feste anche a te mio caro!
    Simona

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.