Book Blogger Blabbering | Intervista a Daniela Mionetto di Appunti di una lettrice

Immagine di Claudia Maltese

Da un’idea di Clacca è nato ufficialmente il BBB (Book Blogs Blabbering). Cos’è? 11 blogger si raccontano. Ogni settimana una di loro verrà intervistata da un’altra blogger e ospitata sulla sua pagina. 11 settimane per scoprire qualcosa di più sui bookblog e sopratutto sulle loro creatrici!
In fondo vi metto tutti i link così potete sbirciare nei blog coinvolti in questo Tour, così non ve ne perdete una!

Oggi tocca a me intervistare e la prescelta è (rullo di tamburi…) Daniela di “Appunti di una lettrice” alla quale ho mandato le mie undici domande sparate, così senza nemmeno “buongiorno e buonasera”, giusto per usufruire del fattore sorpresa! E, a quanto pare, ci sono riuscita e soprattutto sono sopravvissuta – ovvero non mi ha fatta fuori!-. Scherzo! Daniela persona dolcissima e paziente ha subito la valanga con un contegno molto inglese.
Quindi perdonate se non c’è il buongiorno o il buonasera ma io non l’ho proprio previsto. Però, alle cinque domande che abbiamo in comune tutte, io ne ho aggiunta qualcuna in più perché io Daniela la conosco da un po’, ma probabilmente per qualcuno è una novità quindi procediamo!

Daniela per me è così:

Da sinistra a destra: Sergio Nazzaro (giornalista e scrittore freelance), Daniela Mionetto, Irene Daino (Librangolo Acuto) e l’occhio della Lettrice Sconclusionata in una pausa a “Più libri, più liberi” Dicembre 2015

Con lei abbiamo condiviso maratone di viaggio da un editore all’altro alle fiere di Roma (Più libri più liberi) e Torino (Salone del libro), abbiamo visto presentazioni, discusso per ore di libri di cui abbiamo già parlato milioni di volte. Non si arrabbia mai ed è sempre partecipe nelle discussioni con il garbo che la contraddistingue ma, all’occorrenza, sa farsi valere e non si spaventa di nulla e di nessuno.
Appunti di una lettrice” è sbarcato sul web il 19 Gennaio 2012 e un’emozionata Daniela esordiva nel suo primo post:

Sono emozionata all’idea di condividere con voi tutti i libri che ho amato e anche quelli che non mi sono piaciuti. Le opinioni che esprimerò sono assolutamente personali; forse a volte non sarete d’accordo con me e per questo, vi invito a farmi sapere cosa ne pensate con i vostri commenti. Accetterò, molto volentieri, anche i vostri consigli sui libri da leggere.

Ecco da questo messaggio, lasciato quando ancora non la conoscevo, ad oggi, non è cambiata molto nelle “intenzioni” ma sicuramente è maturata grazie all’esperienza, come succede a tutti i blogger durante la loro carriera. Oggi Daniela è anche colei con la quale, ogni tanto condivido letture dei libri sòla (una spettacolare compagna di sòle insieme a Librangolo Acuto e a Paolachecollaboraconunblogmaaspettiamoilsuopersonale) e con l’occasione ci facciamo parecchie risate, con la quale ho condiviso qualche lettura seria. Con lei mi litigo la versione introvabilissima (mia, ma sempre a rischio con lei nei paraggi!) di “Casa di foglie“!

La trovate qui:
Blog: Appunti di una lettrice
Pagina fan: Appunti di una lettrice
Twitter: @AppuntiLettrice
Goodreads: Appunti di una Lettrice
E ora lascio la parola a lei! Buona lettura!

L’immagine che è un po’ il simbolo di Daniela

1- Com’è iniziata la tua avventura da lettrice?

I libri hanno sempre fatto parte della mia vita, ma non in modo così preponderante come ora. Ricordo che alle elementari andavo ogni tanto in biblioteca a prendere i libri della collana “Piccoli Brividi” (volevo leggerli tutti, ma non ci sono riuscita). Le medie sono state il periodo dei racconti di vita vera, le storie realistiche, struggenti e che colpissero dritte al cuore. E così sono arrivati tutti i libri sull’Olocausto e storie di adolescenti alle prese con la droga (sì, anche “Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino“. Andava ancora di moda all’epoca…così potete intuire quanto sia vecchia). Alle superiori gli interessi e le priorità erano altri e credo di non aver mai aperto un libro in cinque anni. Ma la vera svolta è arrivata con l’università. Facendo la pendolare, avevo due ore al giorno da passare in treno, due ore che ho riempito di libri. Ho letto moltissimo e di tutto in quel periodo, cercando di recuperare il tempo perduto, ma… ci sono così tanti libri e così poco tempo…

Posso dire che la mia passione per la lettura è scoppiata tardi, rispetto a molti altri, ma ora mi accompagna tutti i giorni e non riesco più a immaginarmi senza un libro.

2- Com’è nata l’idea di aprire un blog e condividere le tue letture con un pubblico?

Il mio “Appunti di una lettrice” doveva essere solo provvisorio. Tutto inizia nel lontano 2011 quando un’amica mi fece vedere il libro “100 romanzi di primo soccorso per curare (quasi) tutto” di Stephanie Janicot. Da lì nacque una discussione su come questa fosse riuscita a pubblicare un libro e a fare soldi, snocciolando due/tre luoghi comuni e dando consigli superficiali abbinando libri veramente scontati. La mia amica mi consigliò di fare la stessa cosa in un blog, ma con i film al posto dei libri (perché molti preferiscono tv e cinema ai libri). La cosa mi stuzzicava e provai a buttare giù qualche idea. Per capire come funzionasse blogspot, e se ne valesse la pena, decisi di aprire un blog di prova e decisi di parlare di qualcosa che mi riusciva più semplice e spontaneo: libri. Per quanto adori i film, nella lettura mi rispecchiavo di più, è un terreno in cui mi sento più a mio agio. Per vedere se avevo abbastanza materiale per iniziare, cominciai a scrivere degli appunti sui libri che avevo già letto… e così nacque spontaneamente anche il nome per il blog.

3- Qual è il tuo libro del cuore e perché ce lo consiglieresti? 

Questa è una domanda molto difficile a cui rispondere. Ma credo di poter dire che uno dei miei libri del cuore è sicuramente “Via col vento” di Margaret Mitchell. È un libro ricco, corposo, con un’ambientazione bellissima. Una storia di riscatto e forza che ti entra dentro e non ti abbandona più. Lo stile della Mitchell è sublime e per molto tempo non sono riuscita a trovare un romanzo all’altezza. In più, è un libro che mi ha aiutata ad uscire da un lungo periodo in cui non avevo voglia di leggere e ha rafforzato ancora di più la mia passione.

L’autografo ricevuto, dopo l’estenuante e appassionata presentazione seguita tutta in piedi, da Lyndall Gordon sulla copia di “Charlotte Brontë.Una vita appassionata.” (Fazi Editore)
Foto: Librangolo Acuto per Appunti di una lettrice

 

4- Dietro le quinte: come si svolge la giornata tipo di una bookblogger?

La mia giornata è molto noiosa a dire la verità, e non avendo un lavoro fisso non ho nemmeno una giornata tipo. Più che altro mi alzo (tardi, perché sono una pigrona) controllo le mail, mi perdo un po’ su Facebook e leggo articoli vari qui e la. In alcune giornate sono molto carica e riesco a fare un sacco di cose, soprattutto per il blog, scrivendo o abbozzando i post che prima o poi pubblicherò. Molti altri giorni invece, la mia principale occupazione è procrastinare, sono una vera maestra in questo.

5- Un vantaggio e uno svantaggio di essere una bookblogger…

Un vantaggio è sicuramente conoscere molte persone con cui condividere questa mia passione, di cui non posso parlare molto con le persone reali che mi circondano, perché sono poche quelle che leggono. Le amicizie che ho creato nel web sono speciali e quelle che sono riuscita a portare nel mondo fisico sono anche più interessanti e preziose. Di svantaggi non ce ne sono molti, ma quello che mi infastidisce di più è quando mi accorgo che mentre sto leggendo un libro, in realtà sto pensando a cosa scrivere nel blog riguardo a esso. In questo modo non mi godo del tutto il romanzo che ho tra le mani e mi perdo molte sfaccettature della storia. Rischio che il blog diventi un “lavoro” e non una passione legata alla lettura.

Situazioni che ben conosco… il comodino di Daniela 🙂
Fonte: Appunti di una lettrice

 

 

Tu pensavi che fosse finita qui e invece!
6- I dolori del giovane blogger. Ora ammesso che dopo tanti anni, giovane blogger non sei più, oramai sei consolidata, vorrei sapere qual è il libro per il quale hai faticati di più a fare la recensione? Bello o brutto? E Perché?

Mi stai dando della vecchia??? Io sarò sempre una giovane blogger!! A parte gli scherzi, i libri per i quali ho faticato di più a scrivere la recensione sono stati quelli di alcuni esordienti che mi hanno mandato le loro opere inedite. Molto spesso li trovavo vuoti e noiosi e dovevo sforzarmi molto per trovare qualcosa di positivo da scrivere, perché non ne volevo parlare male. Molti di quelli che ho letto non sono mai arrivati nel mio blog, perché non riuscivo proprio a scriverne una recensione decente. Per eliminare questo problema ora non accetto più libri da esordienti.
7- Dopotutto, domani è un altro giorno… Consigli per gli amici: quando ti senti giù e non ti va di scrivere nemmeno un post come ti consoli?

Quando mi sento giù e non ho voglia di fare niente, c’è solo una cosa che mi consola: la televisione. Sono cresciuta a pane e tv e per questo non riesco proprio a stare senza, sto proprio male fisicamente. Guardo veramente di tutto, anche cose viste centinaia di volte. Pensa che se non riesco a trovare nulla di interessante, mi fermo a guardare le televendite, sono ipnotiche per me. “Ciao, sono Daniela e sono una drogata di televisione. Ringrazio qualsiasi divinità esista per Sky!!”

Prova a leggermi dentro!
Fonte: Daniela Mionetto



8-  C’è posta per te. Mettiamo che sei in giro per la tua città e che hai un fantastico buono che ti permetterà di acquistare un solo libro, non importa quale o a che prezzo il buono è per un libro qualunque, avendo a disposizione milioni di scelte, come se le librerie della tua città potessero avere tutti i titoli del mondo, qual è il libro che acquisteresti?

Sicuramente sarebbe “Il signore degli anelli” nell’edizione italiana Rusconi con copertina rigida del 1977. È un libro che adoro e che sto cercando di avere in diverse edizioni. Quella illustrata di qualche anno fa è ancora un po’ troppo costosa per le mie tasche, ma prima o poi sarà mia. Questa degli anni Settanta, purtroppo, è rara e a vedere i prezzi su Ebay superano di gran lunga quello che sono disposta a spendere per un libro.
 
9- La locanda della sesta felicità: il viaggio più bello che hai fatto con un libro. Dove sei stata? che libro era?

Sono una pessima lettrice quando viaggio. In vacanza al mare, in montagna o in un semplice weekend, fuori casa non riesco a trovare il tempo e la concentrazione adatta per leggere. Per questo preferisco concentrarmi sui viaggi che riesco a fare con un bel libro. Questo mi succede spesso quando apro un romanzo di Kate Morton (L’ombra del silenzio, Una lontana follia, Il giardino dei segreti). La sua prosa è incantevole e in un attimo mi ritrovo catapultata in Cornovaglia a passeggiare in un incantevole giardino di una casa abbandonata (elementi ricorrenti nelle sue storie). Ogni suo libro è un viaggio affascinante e coinvolgente, che fa lavorare il mio cervello per risolvere un caso misterioso e a volte inquietante.

Daniela e i viaggi, in questo caso a Napoli
fonte: Daniela Mionetto

 

 
10 – Infinite Jest: se ti dicessero che domani finisce il mondo e tu puoi salvare uno dei post sui cui ha tanto lavorato perché rendesse al meglio l’esperienza di lettura che hai avuto con quel libro. Quale sarebbe?

Credo che sarebbe il post che ho scritto per “Una stanza tutta per sé” di Virginia Woolf. È stato un libro molto importante e mi sono concentrata molto per poter farne una recensione che rispecchiasse, almeno vagamente, quello che ha rappresento per me quel saggio. E poi, è la prima pietra di un progetto che vorrei sviluppare di più all’interno del mio blog, cioè parlare più approfonditamente di quelle opere che riguardano il femminismo e in generale la parità di genere. Perché è un argomento che mi sta a cuore e che mi sta appassionando da un po’ di tempo.
11 – Orgoglio e pregiudizio. Quando un libro non ti piace…?


Io ho bisogno che un libro mi racconti una storia lineare, non semplice, ma che abbia un significato, che mi faccia riflettere e che mi trasmetta un messaggio. Non mi piacciono quei libri che sono solo degli esercizi di stile; o che siano vuoti di contenuti, pieni di stereotipi, scontati e noiosi; oppure quelli che sono una sequela interminabile di flussi di coscienza che non vanno a parare da nessuna parte. Un esempio potrebbe essere “Che tu sia per me il coltello” che non mi è piaciuto per niente, forse perché non sono riuscita a coglierne il senso più profondo. Sono una persona semplice e non mi appassiono alle complicate elucubrazioni mentali di un autore.

Il problema di ogni blogger socialmente attivo è partecipare a milioni di gruppi di lettura che si incrociano nel tempo ma non nei temi affrontati!
Fonte: Appunti di una lettrice

E siamo arrivati alla fine! Vi metto il calendario delle interviste, con linkate anche quelle che sono già andate in onda, fatevi un giro perchè c’è un sacco di bella roba da leggere!

Venerdì 7 ottobre – Claudia de Il giro del mondo attraverso i libri intervista Carla di Una banda di cefali 

 

 
Venerdì 14 ottobre – Carla di Una banda di cefali intervista Claudia di a clacca piace leggere (Intervista)

Venerdì 21 ottobre – Claudia di a clacca piace leggere intervista Irene di Librangolo Acuto (Intervista)

Giovedì 27 ottobre – Simona di LettureSconclusionate intervista Daniela di Appunti di una lettrice

 

Venerdì 4 novembre – Manuela di Impressions chosen from another time intervista Erica di La leggivendola

 

Venerdì 11 novembre – Daniela di Appunti di una lettrice intervista Diletta di Paper Moon
 
Venerdì 18 novembre – Erica di La leggivendola intervista Camilla di Bibliomania

Venerdì 25 novembre – Fabrizia di Il mondo urla dietro la porta intervista Claudia 
Venerdì 2 dicembre – Irene di Librangolo Acuto intervista Manuela di Impressions chosen from another time

Venerdì 9 dicembre – Diletta di Paper Moon intervista Fabrizia di Il mondo urla dietro la porta

Venerdì 16 dicembre – Camilla di Bibliomania intervista Simona di LettureSconclusionate
Alla prossima intervista delle #BBB e buone letture!
Simona Scravaglieri e Daniela Mionetto e tutte le altre 9 Blogger (voi non le vedete ma loro vi vedono!) del BookBloggerBlabbering

5 thoughts on “Book Blogger Blabbering | Intervista a Daniela Mionetto di Appunti di una lettrice

  1. Grazie per la bellissima introduzione, la tua descrizione di me mi ha quasi commossa 🙂
    Belle le foto che hai messo, soprattutto quella della pausa a Più Libri ^.^

    Like

  2. Ho detto la verità eh!!Sono stata fortunata perché, fatalità, ti conosco dal vivo e hai fatto da zia ai miei amori, ti sei seduta davanti ehmm couff couff “Casa di foglie” couff couff e non te ne sei accorta XDD
    Mi era venuto il dubbio che quella foto tu non l'avessi, poi te la giro promesso! Bacetti tesora e grazie per avermi sopportata! Simo

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.