[Dal libro che sto leggendo] Le sorelle misericordia

Marco Ciriello
Fonte: L’indice dei libri

De “Le sorelle misericordia” ve ne ho parlato venerdì e, a parte la mia necessità di rimettere in pari, quello che ho letto con le recensioni e finalmente destinare il recensito alla libreria o all’oblio di un mercatino, ho scelto volutamente di far uscire l’estratto proprio dopo la recensione. Chiaramente questo non è un libro a oblio, ma da tenere in bella vista in libreria, perché ha talmente tanti aspetti diversi da guardare ed è così veloce e scorrevole da leggere che è quasi un obbligo rileggerlo ogni tanto per vedere “che effetto fa”. Sarete d’accordo con la sorella religiosa o con quella atea? Oppure sceglierete di comprendere la posizioni di chi sa già che morirà oppure sceglierete di schierarvi con chi lotta fino all’ultimo? Poi c’è la “divina provvidenza” un po’ manzoniana, quella che agisce per smontare ciò che è certo, dando un taglio netto a tutti i fili della storia, che crea effetti decisamente contrastanti, lasciando lettori e protagonisti in sospeso con il fiato.

Fa un po’ eretico per me pronunciare Manzoni in una recensione o introduzione ad un romanzo campano. Perché con il tempo, e i libri, ho imparato a leggere e apprezzare la narrativa e la saggistica campana e ne ho scoperto le profonde radici che arrivano ad attaccarsi a secoli di folklore e cultura antecedenti e che sono capaci ancora oggi di stupire i lettori. E sono sempre stata convinta che la letteratura lombarda, che tanto ha dato a quella italiana, abbia surclassato, non sempre a ragione, quella campana in favore della facilità della leggibilità dei testi. Invece è proprio dalla narrativa contemporanea campana viene un’immensa quantità di proposte che rientrano nei generi più letti o che li mischiano ma che creano un ventaglio di storie, racconti e saggi che nulla hanno da invidiare alla proposta contemporanea di altre regioni. Anzi, molto spesso la qualità è così elevata da essere un delitto ignorare questi libri. 

Questo è uno dei casi in cui un racconto lungo diventa come un tomo di quelli in voga oggi, dimostrando che l’immensità delle sfumature umane nelle relazioni con se stessi e con gli altri non necessitano di fronzoli, ma di verità. E per la verità, se lo sai fare, non servono poi tante parole. Bellissimo libro.
Buone letture,
Simona Scravaglieri 

Uno 


La donna che stiamo osservando mentre scopre l’irreversibilità della sua vita per diversi anni è stata il tennis italiano, quarta nella classifica WTA, con un titolo del Grande Slam vinto. Laura Cammarata aveva talento, stile e intelligenza tennistica. Poi c’ha rinunciato, per un balzo d’amore, e religiosità. Non l’ha detto a nessuno, e qui per la prima volta diremo – lasciando comunque all’oscuro gli altri protagonisti di questa storia -, ma quando era uscita inspiegabilmente dalla Road Laver Arena e di fatto dall’Australian Open, interrompendo il match contro Serena Williams che stava vincendo, lo aveva fatto per l’improvvisa apparizione della madre di Cristo, sì, aveva visto la Madonna, dietro la sua avversaria. A lei era sembrato segno evidente, che la invitava a smettere e a cercare una strada diversa. Nemmeno per un attimo aveva provato a pensare che forse quella visione era figlia dell’eccesso di sforzo o concentrazione, che forse era solo un retaggio della sua pur rispettabile ed enorme religiosità. Aveva chiuso e riaperto gli occhi, due volte, guardato meglio e rimesso la pallina in tasca, alzato un braccio, chiamato l’arbitro, si era avvicinata alla rete con più determinazione di Jhon McEnroe, chiesto scusa alla sua avversaria, e via di seguito a tutti quelli che provavano a fermarla, ripetendo sempre le stesse due parole: Non posso, Non posso, Non posso; e poi aveva infilato il tunnel che portava agli spogliatoi fra lo sconcerto generale, recitando averpatergloria a bassa voce. E quando si era voltata, nel casino del campo, la Madonna non c’era più. C’era il suo allenatore che sembrava Tony Soprano quando scopre che uno dei suoi è una spia dei federali. In quasi tutte le tivù del mondo i telecronisti si interrogavano tirando in ballo tensione e depressioni, anche notizie di gossip sulla castità della Cammarata e sulle sue preghiere prima delle gare, roba che Kakà appariva un chierichetto in confronto, frase scritta un mucchio di volte. Lei invece, c’aveva giocato con la pubblicità che la ritraeva come «Angelo dei nostri tempi». Altri giorni.


Questo pezzo è tratto da: 

Le sorelle misericordia
Marco Ciriello
Edizioni Spartaco, Ed. 2017
Collana “Dissensi”
Prezzo 8,00€   

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.